Affiliate marketing manager: compiti, mansioni e stipendio

Affiliate marketing manager: compiti, mansioni e stipendio

L’ affiliate marketing manager è un professionista che si occupa a tutto tondo del processo di affiliazione tra un’azienda e un sito web o un influencer. Vediamo nel dettaglio quali sono i suoi compiti, quali le sue competenze e quanto può guadagnare

L’ affiliate marketing è una forma di web marketing che consiste nel promuovere prodotti o servizi su un sito web inerente e rilevante, oppure tramite blogger o influencer. Si tratta di una modalità oggi molto diffusa che, rispetto a una tradizionale pubblicità online, risulta molto più efficace e mirata. Tuttavia, per metterla in atto sono necessarie un’analisi accurata del contesto e una precisa strategia. Per questo esiste l’ affiliate marketing manager. Un professionista che si occupa di trovare la giuste partnership, gestirle, incrementarle, monitorando l’andamento delle campagne pubblicitarie. Vediamo chi è e cosa fa l’ affiliate marketing manager, quale percorso di studi seguire per svolgere questa professione,  quali sono le sue principali mansioni e qual è lo stipendio medio.

Cos’è l’affiliate marketing

Prima di tutto riassumiamo l’ambito in cui questo professionista opera. L’affiliate marketing consiste nella stipula di un contratto tra un’azienda che vuole fare promozione online e un sito web, un blogger o un influencer. Questi ultimi – gli affiliati – dovranno sponsorizzare l’azienda in questione o un suo prodotto sui propri siti web, inserendo un banner cliccabile o comunque un link che rimandi all’acquisto. L’obiettivo è generare traffico sul sito dell’azienda che vuole promuoversi e incrementare le sue vendite.

L’influencer può suggerire un prodotto particolare o raccontare la sua esperienza, sfruttando la propria autorevolezza in materia. In alcuni casi può anche offrire codici sconto o particolari promozioni. E cosa ne guadagna? Naturalmente, c’è un ritorno economico indicato dal contratto. Ogni volta che un utente conclude un acquisto partendo dal link posizionato dal sito web dell’affiliato, quest’ultimo ne trae un guadagno. Di solito il pagamento funziona tramite modalità pay per click. Quindi più persone acquistano tramite quel link, più l’affiliato guadagna. Per facilitare questo processo, esistono numerosi programmi di affiliazione.

Cosa fa l’ affiliate marketing manager

L’ affiliate marketing manager si occupa della gestione a tutto tondo dell’attività di affiliate marketing. Il suo primo compito consiste in un’attività di analisi del contesto in cui l’azienda opera, degli obiettivi che si vogliono raggiungere e del target di riferimento. Fondamentale, infatti, è essere consapevoli degli interessi e delle abitudini dei propri utenti in modo da intercettarli nel posto giusto al momento giusto. Dopodiché, potrà passare ad individuare e selezionare i possibili partner d’affiliazione. Dovrà quindi avere molto chiaro il panorama dei siti web e dei personaggi di riferimento del proprio settore.

Il terzo step consiste nell’ideare e nello stendere, insieme alla direzione aziendale e al reparto marketing, la campagna di affiliate marketing. In questo momento bisogna interrogarsi su cosa dire al proprio pubblico, come dirlo, quali sconti proporre, quali contenuti utilizzare e anche quali grafiche. Sono numerosi, quindi, gli aspetti coinvolti: dal content marketing a un’attività di copy, dalla grafica alla gestione del budget. L’ affiliate marketing manager dovrà poi discutere dell’aspetto economico con gli affiliati, in modo da arrivare al momento della stipula del contratto. Nel suo lavoro le relazioni sono molto importanti: deve mantenere vivo il rapporto con gli affiliati, monitorare l’andamento della collaborazione e la reciproca soddisfazione. E infine – altrettanto importante – cercare sempre nuovi affiliati. Una vera e propria attività di scouting.

Le competenze dell’ affiliate marketing manager

L’affiliate marketing manager è un professionista con un solido background di digital marketing, che sceglie di specializzarsi in questa specifica attività. Come si evince dalle mansioni che abbiamo elencato sopra, deve avere competenze, appunto, di web marketing, ma anche conoscenze di tipo commerciale. Deve possedere ottime doti relazionali e comunicative, essere proattivo e sapersi muovere con disinvoltura sul web e attraverso i principali social network. Deve anche possedere una buona capacità analitica, in modo da riuscire a seguire l’andamento delle campagne.

Per acquisire tutte queste competenze, l’affiliate marketing manager deve fare tanta esperienza sul campo. La provenienza da un percorso di studi in marketing e comunicazione è sicuramente molto utile, perché permette di avere un bagaglio di conoscenze teoriche importanti. Altrettanto utile si può dimostrare un corso di specializzazione o un master mirato sul digital marketing. Dopodiché, si tratta di iniziare a sperimentare e costruire il proprio bagaglio di competenze attraverso l’esperienza pratica e la costruzione di un network di contatti.

I settori più in voga

L’affiliate marketing manager può lavorare in modo trasversale su diversi settori e varie tipologie di prodotti. Ce ne sono alcuni, però, in cui questa attività risulta particolarmente utilizzata e fruttuosa. Il primo è quello della moda, dove è possibile creare affiliazioni con molti influencer dai numeri importanti. Seguono la cosmetica e la gioielleria, sullo stesso piano. La tecnologia fa spesso affidamento all’affiliate marketing, appoggiandosi a blogger o youtuber che spiegano il funzionamento dei prodotti tecnologici. Infine, questa modalità di promozione online è molto in voga anche nei settori dell’alimentazione e del benessere, dello sport, ma anche della cultura, della musica e dell’editoria.

Lo stipendio medio

Per quanto riguarda lo stipendio, possiamo affermare che un affiliate marketing manager di media esperienza guadagni attorno ai 30-40mila euro all’anno. Si tratta naturalmente di una cifra indicativa, che può salire anche notevolmente in base all’esperienza, oltre che al settore e alla grandezza dell’azienda per la quale lavora. È chiaro che una grande multinazionale viaggia su cifre molto più elevate, mentre una piccola azienda può faticare ad assumere un professionista che si occupi esclusivamente di questo settore.

L’ affiliate marketing manager può anche lavorare come freelance, ma non è facile riuscire a farlo. Specialmente perché dovrebbe dividersi su più clienti e progetti, senza riuscire a concentrarsi e a far convergere tempo ed energie su un solo obiettivo. Meglio sarebbe riuscire a farsi assumere da un’azienda contribuendo a farla crescere grazie a un lavoro mirato su questa attività.