Blog

  • 2019: da Deloitte 6 trend tecnologici da tenere sott’occhio

    Il 2018 volge al termine: è il momento giusto per scoprire quelle che saranno le tendenze tech del prossimo futuro. In un panorama non sempre chiaro e scontato, il decimo report di Deloitte “Tech Trends 2019: Beyond the digital frontier” cerca quindi di fare chiarezza sui principali trend, che influenzeranno maggiormente l’industria e il mondo business i prossimi mesi. Si tratta ovviamente di proiezioni ma provengono da addetti ai lavori con una certa esperienza sul campo e sono quindi da non sottovalutare. L’esordio del 5G Il 2019 segnerà il debutto del 5G. In tutto il mondo le telco ci stanno investendo milioni su milioni e, secondo Deloitte, circa 25 operatori, ossia un terzo, riusciranno a lanciare i servizi basati sulle…

  • Leggi Articolo
  • Sharing economy: da economia condivisa a nuovi monopoli

    La sharing economy è sempre più “economy” vecchio stampo, seppur con una veste nuova e digital, e sempre meno “sharing”. La fine dell’utopia che immaginava gli utenti imprenditori di se stessi con l’uso dei propri mezzi (case, auto ecc) ha una data: il 2018. La indica chiaramente il sociologo Evgeny Morozov sul Guardian. Secondo lo studioso il miraggio prospettato dal tecno-populismo, che racconta di un’economia informale e decentralizzata, è definitivamente fallita. La mia idea è chiara e la ripeto: alcune delle aziende che dovevano “aprire il mercato” l’hanno in realtà chiuso, trasformandosi in nuovi monopoli, a volte con sede in paradisi fiscali. E allora servono regole e una web tax forte. Dalla politica risposte mancate Le cause sono da attribuirsi…

  • Leggi Articolo
  • Le Big Tech e quei 69 miliardi di euro di tasse eluse

    Elusione fiscale non è evasione. Sebbene entrambe le pratiche mirino a pagare meno tasse e tributi, infatti, la prima non è sanzionabile, mentre la seconda, se riferita ad una somma non versata, non dichiarata, occultata ecc, superiore a 30mila euro, è un reato penale. L’elusione, in sostanza, procura vantaggi fiscali, quindi benefici economici, a chi la opera ma, essendo eseguita con modi o azioni che riescono a rispettare la legge, spesso in equilibrio sulla sottile linea che separa ciò che è lecito e ciò che non lo è, non viene perseguita. In certi casi, però, rappresenta una macroscopica e ingiusta sottrazione di quanto dovuto allo Stato, alla collettività, a tutti noi che le tasse le paghiamo puntualmente fino all’ultimo centesimo….

  • Leggi Articolo
  • Programmatic: anche addressable tv, Dooh e radio interessati

    Parliamo ancora di programmatic adv che, come segmento trainante del digital advertising, al momento vive il ruolo di protagonista dell’intero comparto. La conferma che la pubblicità computerizzata sta suscitando un interesse crescente  in Italia, non arriva solo dalla relazione “Programmatic Advertising in Italia: ScenariAttuali e Trend Futuri” redatta dall’IAB(di cui parlo approfonditamente su “Blockchain:punto di svolta per programmatic adv e guadagni”) ma anche dall’ultima edizione del ProgrammaticMarketing Forecast rilasciato da Zenith. Secondo il report dell’Interactive Advertising Bureau, nel nostro Paese1 advertiser su 4 spende già oltre il 50% del suo budget pubblicitario in programmatic; 3 inserzionisti su 5 investono in programmatic una quota del 30%dell’intero importo speso per il digital adv; il 30% del fatturato totale di 2 media agency su…

  • Leggi Articolo
  • Blockchain: punto di svolta per programmatic adv e guadagni

    L’ultima ricerca elaborata dall’Interactive Advertising Bureau Italia, dal titolo “Programmatic Advertising in Italia: Scenari Attuali e Trend Futuri”, e condotta su un campione di 98 attori tra Ad Network, Media Agency, Tech Media Agency, Demand Side Platform e Supply Side Platform, punta i fari sulla situazione del digital adv e sulla catena del valore degli investimenti nel nostro Paese. Iniziamo dai numeri: secondo l’analisi del settore di Technavio, a livello globale il programmatic toccherà gli 84 miliardi di dollari nel 2019, per aumentare a 210 miliardi nel 2022. Attualmente il modello di vendita della pubblicità elettronica maggiormente utilizzato è il Real Time Bidding. Si tratta di un sistema automatizzato che prevede lo svolgimento di un’asta tra gli inserzionisti e il…

  • Leggi Articolo