Video advertising: parola chiave del 2017

Il Video advertising è ormai il fattore chiave per qualsiasi marketer o brand che voglia centrare i propri obiettivi di business. Una recente ricerca di Zenith rivela che la spesa globale riferita all’internet advertising raggiungerà i 205 miliardi di dollari nel 2017 e segnerà una pietra miliare nel sorpasso della pubblicità in TV.

E se l’internet advertising gioca un ruolo chiave, il mobile è in crescita più che mai. Una conferma arriva dall’ultimo report IAB e PwC, il quale afferma che il totale di spesa advertising su mobile supererà quella desktop quest’anno e che il social media ads sarà fondamentale. Dati che trovano riscontro nelle previsioni Zenith sulla spesa per il social media advertising, che arriverà a 55 miliardi di dollari nel 2019. Read it in EnglishContinue reading

2017 is all about video advertising

Video advertising is where it’s at for any marketer or brand that wants hit their business goals. Recent research by Zenith reveals that global internet advertising expenditure will reach US$205bn in 2017 and will hit a significant milestone by surpassing TV ads.

And if internet advertising is key, then mobile is bigger than ever. This is confirmed by the latest IAB and PwC report, which states that spending on mobile display ads will overtake desktop display this year and social media ads will play a key role. This data is backed up by the Zenith forecast on social media advertising spend, which found it will reach US$55bn in 2019. Read it in Italian. Continue reading

Instagram e Facebook crescono in popolarità e innovazione: è l’inizio della fine per Snapchat?

Al principio è stata una rivoluzione: un social accelerato, capace di tenere incollate le persone allo schermo per ore. Con 150 milioni di utenti attivi, 10 miliardi di visualizzazioni e più di 1 miliardo di Snaps (una fotografia o un video da 10 secondi) ogni giorno, fin dal suo sviluppo nel 2011, Snapchat ha accumulato un successo dietro l’altro. Sino ad arrivare a valere 20 miliardi di dollari. Read it in English. Continue reading

Do Facebook and Instagram’s popularity mean the end is near Snapchat?

At first it was a revolution: a faster social network, which could keep users online for hours. Snapchat boasts 150 million active users, ten billion views and over ten billion Snaps (pictures or short videos) sent every day. Since its early days in 2011, Snapchat has been a success story, climbing to the astounding value of 20 billion dollars. Read it in Italian. Continue reading

Blockchain, la tecnologia in grado di trasformare la sanità

Chi ha detto che la tecnologia blockchain serve solo per le transazioni elettroniche in denaro e al mondo finanziario? In realtà può essere utilizzata in una grande varietà di ambiti e non c’è nulla di più errato che il volerla relegare in un recinto come, in pratica, è accaduto sino ad oggi, salvo rare eccezioni. Read it in English. Continue reading

Blockchain, the technology which will change the health system forever

Who said that the blockchain technology can be used only for electronic transactions and in the financial world? Actually, it can be applied to a variety of sectors and it would be a mistake to put too many limits to it, as it has been happening so far. Read it in Italian. Continue reading

Le differenze generazionali che i digital marketer devono capire e sfruttare

Cedere i propri dati personali, a patto di riceverne in cambio una migliore esperienza utente: secondo una ricerca condotta in Gran Bretagna da YouGov, le nuove generazioni sono molto più propense e disposte a condividere con i brand i propri dati personali, se ne possono trarre benefici.

Commissionato da Epiphany, il sondaggio ha coinvolto un campione di 2.029 persone al di sopra dei 18 anni di età. I risultati sono stati esposti nel documento “Understanding Consumer Behaviour”.

Dallo studio, per esempio, è emerso che per il 24% dei consumatori interpellati di età compresa tra i 18-24 anni, i social media sono un canale di ricerca fondamentale per decidere cosa comprare, a differenza degli over 55. Per il 63% di questi ultimi, infatti, le piattaforme social non hanno alcun ruolo durante la fase di pre-acquisto. Read it in English. Continue reading