Blog

  • Da Google a Linkedin i contenuti (ri)pagano. Ecco perché

    Non è l’unico ma è quello che lo fa in modo più massiccio: Google investe fortemente nelle news. Perché anche se le news non sono a pagamento, più contenuti significano più persone che leggono e, quindi, più valore alle pubblicità da inserire nelle pagine. Lo spiega chiaramente Richard Gingras, Vice President delle News del gigante tech: << Le persone si affidano a Google per aiutarle a trovare informazioni utili e autorevoli, provenienti da una vasta gamma di fonti. Il nostro compito è quello di ordinare le informazioni e collegarle a quelle più rilevanti […] Per mantenere tale fiducia non accettiamo pagamenti da nessuno per essere inclusi nei risultati di ricerca. Vendiamo annunci, non risultati di ricerca>> (How Google invests in…

  • Leggi Articolo
  • Automated warehouse operators wanted due to a lack of human staff

    According to the Chartered Institute of Logistics and Transport within the next five years 54% of the UK logistic businesses will have to face a serious lack of both skilled and unskilled staff. The reasons of such phenomenon are various: it has become quite difficult to recruit expert professionals, for instance IT engineers with specific know-how in the logistic field, as well as project managers and managers in general; at the same time, also unskilled labour is missing, especially warehouse operators, also due to the fact that, it is worth pointing it out – salaries are really low, the job itself is quite repetitive and boring and, last but not least, unemployment rates are finally decreasing. That is to say…

  • Leggi Articolo
  • A.A.A. cercasi magazzinieri robot per carenza umani

    Secondo il Chartered Institute of Logistics and Transport entro i prossimi cinque anni il 54% delle aziende di logistica del Regno Unito dovrà affrontare una pesante carenza di personale specializzato e non. Le cause sono diverse: sul fronte delle professioni qualificate si registra grande difficoltà a reclutare professionisti esperti, per esempio di ingegneri informatici con competenze specifiche nel settore, come pure project manager e dirigenti; sul fronte dei lavori che non richiedono titoli di studio particolari, invece, manca la manodopera, in particolari la più richiesta, quella dei magazzinieri, anche a causa – è il caso di dirlo –  dei bassi compensi, della noiosa ripetitività del lavoro e, fattore questo positivo, del calo della disoccupazione. Cioè a dire: se le persone…

  • Leggi Articolo
  • Open innovation 2020: è caccia alle start-up più redditizie

    L’open innovation, ossia l’innovazione aperta, si sta evolvendo. L’ultimo rapporto “Open Innovation – Outlook 2020”, curato da Mind The Bridge e Nesta, attraverso le interviste a 36 CIO e Heads of Innovation globali tenta di delineare le traiettorie principali del cambiamento. Il concetto di “open innovation” nasce nel 2003. Ad introdurlo è l’economista statunitense Henry Chesbrough. Nel suo libro “Open Innovation: The New Imperative for Creating and Profiting from Technology” sostiene che la “closed innovation”, ossia l’innovazione chiusa tra le mura dell’azienda, non è più sufficiente per competere nel mondo globalizzato, in cui il ciclo di vita dei prodotti è sempre più breve. La soluzione indicata è aprirsi alla ricerca e alle collaborazione esterne. Accogliere dunque anche idee, progetti e know-how tecnologico al di fuori…

  • Leggi Articolo
  • Marketing: la concretezza dei dati Vs il manager sentiment

    Qualità o quantità? Se vi chiedessi cosa preferite, sono discretamente certo che la maggior parte di voi risponderebbe senza esitazione: <<Qualità!>>.  Il concetto di quantità, buttato così a freddo e senza contestualizzazione, in effetti non ha una dimensione esatta. Quantità di cosa? In che misura? A proposito di quale bene o servizio? Non c’è dubbio: in un caso simile la qualità vince. Il discorso, però, prende una piega completamente diversa se proiettiamo la medesima domanda sullo sfondo delle ricerche di marketing. È qui, all’interno di questo immenso contenitore che parte dai produttori, attraversa tutto il management e arriva sino al consumatore finale che, a mio avviso, i dati la fanno da padrone. Ed è questo il terreno sul quale, se…

  • Leggi Articolo