Blog

  • Marketing e Adv: perché la blockchain sarà «disruptive»

    Il binomio mercato e blockchain si configura dirompente. Dirompente sul fronte dei cambiamenti e delle trasformazioni che apporterà (anche se in realtà è già in atto) al digital advertising, e impattante di conseguenza sul marketing stesso. E una delle influenze maggiori lo avrà proprio sul search marketing, che ha diretta influenza sulla pubblicità online. Le novità possono essere riassunte con cinque parole chiave: trasparenza, affidabilità, pagamenti, novità, ampliamento. E mentre Facebook ha riammesso le campagne pubblicitarie legate alla blockchain, senza la necessità di alcuna autorizzazione prima imposta, la rivoluzione della tecnologia del registro distribuito avanza(Facebook modifica le proprie politiche relative a pubblicità su criptovalute e blockchain). È importante che gli inserzionisti non arrivino tardi, non perdano il passo ma, al…

  • Leggi Articolo
  • Tra video e stories, il piano di Mr. Z per aumentare l’adv

    È risaputo: il vero business di Facebook non è certo la socializzazione ma l’advertising. E la prima è funzionale allo sviluppo del secondo. In quest’ottica vanno letti i cambiamenti alle piattaforme, recentemente annunciati da Mr.Zuckerberg durante l’ultimo F8, la conferenza annuale degli sviluppatori: collegamento dei prodotti, ossia interoperabilità tra Facebook, Instagram e WhatApp, nuovo design e maggiore divisione tra la “piazza pubblica” e gli spazi privati di condivisione, spingendo in particolar modo su quest’ultimo aspetto del relazionarsi degli utenti. Via libera, dunque, all’evidenziazione dei gruppi e alla centralizzazione delle community, da viversi in versione “salotto virtuale”. Tradotto nella pratica, significa che gli utenti saranno in grado di pubblicare, leggere e interagire con i contenuti su Facebook, Instagram e WhatApp in…

  • Leggi Articolo
  • Dall’AgCom la fotografia dei social utile ai marketer

    Sempre più connessi e sempre più online: gli Italiani in rete sono saliti a 42 milioni e trascorrono mediamente 2 ore al giorno nel web, sia da fisso che da mobile. Dal rame alla fibra, dal 2014 ad oggi il numero delle reti Adsl è calato di circa 7,5 milioni ma, al contempo, sono aumentate di 5,9 milioni quelle Fttc, di 0,54 milioni le Ftth e di 0,7 milioni le Fwa (L’Italia della banda larga corre verso la fibra) Quanto al mobile, come certifica l’ultimo Osservatorio sulle Comunicazioni dell’AgCom, negli ultimi quattro anni le sim con traffico dati sono passate dal 47,8% al 68,5% del totale, quelle con accesso a internet hanno toccato quota 54,5 milioni di unità e il…

  • Leggi Articolo
  • Il gaming online veleggia: un’occasione per i marketer!

    Giocare non è una questione di età né tantomeno di sesso. E lo stesso vale per il gaming on line. Dopo anni di appannaggio quasi prettamente maschile, i nuovi dati ci dicono che tutti giochiamo: uomini, donne, ragazzi e adulti. Così, se nel lontano 2006, gli statunitensi incollati al monitor del pc, armati di mouse (o joystick), erano il 62% dei maschi contro il 38% di femmine, lo scorso anno si è raggiunta la quasi parità, col 55% dei primi contro il 45% delle seconde (Distribution of computer and video gamers in the United States from 2006 to 2018, by gender). Complice benevolo è lo smartphone, che ha reso il gioco facile, trasversale e prêt-à-porter. Ed è proprio grazie a…

  • Leggi Articolo
  • Contenuti multimediali: le due formule con e senza Adv

    Da qualche tempo l’offerta di contenuti multimediali sembra aver imboccato due strade parallele: con abbonamento a pagamento ma senza pubblicità; completamente gratuita per l’utente ma infarcita di advertising. Due modelli di business palesemente diversi e che poggiano su assunti differenti. Un esempio del primo tipo (senza Adv) è la costellazione composta da Netflix, Amazon Prime Video e, più recentemente, Apple. L’azienda di Cupertino lo scorso marzo ha presentato Apple TV+, una piattaforma che propone programmi originali, come film, documentari e serial tv, realizzati in partnership con nomi ultra popolari dello star system cinetelevisivo, del calibro di Steven Spielberg e Oprah Winfrey. Il servizio è on demand e se ne può usufruire direttamente dall’app “Apple TV”. La app, che verrà rilasciata…

  • Leggi Articolo