Realtà aumentata: il futuro è già qui

Realtà aumentata: il futuro è già qui

The blog is also available in English: click here

Impossibile nelle ultime settimane non aver sentito parlare della app di gioco del momento (anche io ne ho scritto nel mio ultimo post). Un gran polverone alzato, di certo, a ragione: Pokémon Go, infatti, guadagna €1.4 milioni in un singolo giorno solo negli Stati Uniti, ha più utenti attivi giornalieri di Twitter, e ha portato a volare il prezzo delle azioni della Nintendo di quasi il 90% in una settimana. Il format di gioco che sfrutta la realtà aumentata è così popolare, e così straordinariamente semplice, che ha portato in tanti a porsi una domanda: perché nessuno ci ha mai pensato prima?

La risposta, e la realtà, è che lo hanno fatto! La Niantic, sviluppatore di Pokémon Go, aveva già creato Ingress, un gioco mobile geolocalizzato, 4 anni fa. Insomma, tantissimi appassionati hanno cominciato a usare i propri smartphone e giocare in realtà aumentata già da alcuni anni.

Entrambi i giochi hanno lo stesso scopo: girovagare per la città collezionando articoli che aiutano a battere gli altri giocatori. Pokémon Go è addirittura basato su gli stessi dati di localizzazione di Ingress, tanto che le Palestre (Pokémon Gyms, in cui far combattere i Pokemon) e i Pokéstops (luoghi dove i giocatori raccolgono risorse come le PokéBalls) sono anche portali di Ingress.

Ma allora cosa distingue Pokémon da Ingress? Il segreto del successo di Pokémon Go è la combinazione della realtà aumentata con un brand di gioco molto amato diventato un’icona nel mondo. E ora che un gioco di realtà aumentata è diventato un caso di indiscusso successo, altri brand di certo seguiranno.

La geolocalizzazione non è la sola enorme opportunità che Pokémon Go ha portato sulle scrivanie dei digital marketers: si tratta di molto più di questo! Fino a qualche settimana fa, la maggior parte dei consumatori non avevano la minima idea che lo smartphone che portavano con sé potesse essere usato in questo modo. Ora, stanno cominciando a familiarizzare con la realtà aumentata e sono più aperti che mai a riceverne ancora. Pokémon Go è la porta di ingresso per il marketing della realtà aumenta.

Abbiamo già visto come nel 2016 ci sono stati i primi passi verso l’adozione della realtà virtuale in vari ambiti: Facebook ha di recente introdotto la possibilità di uploadare foto a 360°, semplicemente cambiando il modo in cui le foto panoramiche vengono visualizzate nel newsfeed, e contenuti a 360° da parte dei brand stanno diventato sempre più un trend. I consumatori hanno reagito bene a questo tipo di contenuto e si sono dimostrati aperti a partecipare a nuovi tipi di branded experience. Di certo i tempi sono maturi per la realtà aumentata branded content: Pokémon Go ha reso chiaro che ci sono 9.5 milioni di utenti attivi giornalieri pronti a provare.

Grazie a Pokémon Go, sono sicuro, ed entusiasta, che realtà aumentata e virtuale saranno i capisaldi delle strategie di marketing digitale da parte dei brand. Voi siete pronti a sfruttarle per la vostra prossima campagna? Fatemi avere i vostri commenti, twittatemi a @agostinellialdo.

One comment on “Realtà aumentata: il futuro è già qui

Commenti chiusi.